“Ciao ciao Milano”, dicono i bambini. Ore 14.05 il treno Freccia Rossa parte. Destinazione? San Benedetto del Tronto.

Quando dal finestrino si inizia a intravedere il mare, i bambini lo sanno, manca poco per arrivare a destinazione e, ogni volta, è sempre un’emozione, anche per i e le più grandi. È un’attesa ben ripagata. Scesi dal treno, mamme e bambini non vedono l’ora che le vacanze al mare a San Benedetto del Tronto inizino per davvero. Mare, buon cibo e tante occasioni di divertirsi e stare insieme. Ecco, servito, il menù della settimana di vacanze al mare per la comunità di Casa Adriana.

Il primo giorno è in spiaggia, dove, grazie all’operatrice Ilaria, tutto è pronto per accogliere la delegazione di Arché con tutti gli onori: tra lettini e ombrelloni la vita si anima da subito.

Per alcuni bimbi è la prima volta al mare. E l’incertezza diventa meraviglia: i piedini muovono i primi passi, un po’ reticenti, verso la sabbia.

“Mamma scotta!”, l’urlo lacera la quiete circostante. Poi, qualche passo ancora ed ecco il bagnasciuga: arriva una piccola onda, i piedini, sorpresi, battono in ritirata. “Mamma è fredda l’acqua!”, urlano come a voler esprimere la loro delusione per quello che percepiscono come un vero tradimento degli adulti. Ma basta un’altra, piccola, spinta di incoraggiamento e poi il mare diventa una presenza famigliare.  E ora iniziano i guai: per tirarli fuori e per convincerli a uscire, mamme ed educatrici non hanno vita facile.

Inutile dire che l’iniziale titubanza dei primi minuti nei giorni a seguire è scomparsa nei bambini, così come nelle mamme le preoccupazioni per il futuro. Sono stati giorni di serenità e di tranquillità per tutti e tutte, resi possibili dagli amici e dalle amiche di San Benedetto del Tronto che, ogni anno, si fanno in quattro per i bambini e le bambine di Arché.

In maniera spensierata il gruppo di mamme, bambini ed educatrici arriva all’ultima sera. Dopo aver passato qualche ora anche sulle attrazioni montate in centro a San Benedetto del Tronto, li aspetta una pizza tutti insieme per festeggiare la fine delle vacanze al mare. Un saluto agli amici e alle amiche che si preparano per settimane ad accogliere al meglio la ciurma di Arché.

Alla mattina, tutti sono pronti per avviarsi verso la stazione per ritornare a Milano. Un po’ tristi, “daiiiii restiamo un’altra settimana”, ripetono. L’anno prossimo, forse.

 

E come un’onda che arriva inaspettatamente

con cautela e

circospezione

decidiamo poi di lasciarci avvolgere

coinvolgere e cullare dal dolce movimento che assomiglia alla vita.

                                                                                                            Federica