Coscienza civile, profonda sensibilità e generosità. I tratti tipici del volontario e della volontaria Arché sono questi e non fanno mai fatica a emergere.  Dal vivo (nelle comunità, negli ospedali o agli eventi) ma anche, nell’anno della pandemia, quando ci si trova costretti online. Ne è convinta Uli Mittermair,  responsabile nazionale del volontariato in Arché, che ha organizzato una serie di quattro incontri con una quarantina di volontari e volontarie di tutta Italia insieme ai referenti delle singole città (Chiara Clemente e Monica Massa a Milano, Elisabetta Capitani e Uli a Roma, Ilaria Quondamatteo a San Benedetto del Tronto).

«Nasce dall’esigenza di tornare a lavorare insieme anche con coloro che non possono momentaneamente svolgere i loro servizi, come in carcere o negli ospedali», spiega Uli Mittermair che aggiunge: «è un modo anche per tenere viva e vitale la comunità dei volontari e per valorizzare il patrimonio di generosità e disponibilità che li ha sempre contraddistinti». A prescindere dalla collocazione geografica. Negli incontri online, infatti, persone di sedi diverse si incontrano e si confrontano tra loro, condividendo le esperienze e le emozioni vissute in questo anno da volontario o volontaria ma anche, più in generale, da cittadino o cittadina. Nonostante le difficoltà connesse alla modalità online, a prevalere è stato un unico sentimento: il desiderio di accorciare le distanze, mantenendo vivi i legami e intrecciandone di nuovi.

La scelta di promuovere incontri online per volontari e volontarie nasce anche dal buon esito di esperienze simili degli ultimi mesi. «Abbiamo notato che Two-Gather, l’insegnamento di italiano da remoto da parte di volontari di città diverse, e i video, realizzati a Roma e montati in un’altra città, hanno avuto un buon seguito», dice Uli Mittermair, «Ciò testimonia una diffusa voglia di darsi da fare e di voler partecipare, anche online, e a prescindere da un’effettiva vicinanza geografica».

Gli incontri per i volontari e le volontarie si svolgeranno nel mese di febbraio. Se hai dato una mano nelle attività Arché e vuoi partecipare, scrivi a capitani@arche.it (Roma), a volontari.mi@arche.it (Milano), a quondamatteo@arche.it (San Benedetto del Tronto).