Sono stati resi pubblici i bandi per la selezione dei volontari per i progetti di Servizio Civile Universale. Fondazione Arché è uno degli enti accreditati e accoglierà fino a cinque volontarie o volontari, quattro a Milano e uno a Roma. Ci si può candidare entro le 14:00 del 26/01/2022 sulla piattaforma DOL.

I requisiti per candidarsi sono i seguenti:

a) cittadinanza italiana, oppure di uno degli altri Stati membri dell’Unione Europea, oppure di un Paese extra Unione Europea purché il candidato sia regolarmente soggiornante in Italia;

b) aver compiuto il diciottesimo anno di età e non aver superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;

c) non aver riportato condanna, anche non definitiva, alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo oppure ad una pena, anche di entità inferiore, per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, oppure per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata

Per l’anno 2022 Fondazione Arché mette a disposizione 5 posti in totale nelle sedi di Milano (4) e di Roma (1) nei seguenti progetti che daranno la possibilità a tre volontarie o volontari di vivere l’esperienza del Servizio Civile all’interno delle nostre comunità educative a Milano e Roma mentre due volontarie o volontari affiancheranno gli operatori di Milano nei servizi attivi sul territorio a fianco di giovani e famiglie fragili. Per i ragazzi e le ragazze selezionate è previsto un rimborso spese di 444,30 euro, per 25 ore settimanali, per 12 mesi.

Progetto PROSPERE

Progetto di sviluppo personale ed empowerment per donne in condizione di fragilità, per cui sono previsti quattro posti: tre a Milano in Casa Adriana, Casa Carla e Corte di Quarto, e un posto a Roma in Casa Marzia.

Il progetto mira a promuovere capacità di gestione delle difficoltà specifiche delle donne, in una fase di crisi come quella attuale. Il progetto vuole promuovere uno sviluppo personale grazie ad interventi capaci di promuovere risorse personali in grado di generare un processo di costruzione della propria vita e di integrazione sociale. Si intende realizzare percorsi di accompagnamento e sostegno attraverso un progetto di sviluppo personale. Il progetto, inoltre, si propone di sviluppare nelle donne in condizione di debolezza: competenze per reperimento di opportunità abitative, lavorative e di fruizione dei servizi territoriali; reti relazionali e organizzative di supporto per tutte le necessità materiali e/o emotive e progettazione della propria vita in funzione dei propri desideri e necessità.

Il progetto Prospere (i cui elementi essenziali sono consultabili qua: Programma DMC, Progetto PROSPERE) è inserito nel programma Donne, madri, cittadine che ha come obiettivo raggiungere l’uguaglianza di genere, per l’empowerment di tutte le donne e ragazze. Si sviluppa nell’ambito del sostegno, inclusione e partecipazione delle persone fragili nella vita sociale e culturale del paese. Il programma è finalizzato a promuovere e sostenere la qualità della vita nelle donne e madri che vivono in condizioni di vulnerabilità, sia perché sono vittime di violenza, sia perché costituiscono un nucleo mono genitoriale in difficoltà, attraverso azioni sinergiche e complementari che produrranno significativi e rilevabili cambiamenti in termini di sviluppo personale, autonomia, presa di decisione, responsabilità, senso di coesione e presenza, non ultimo self-efficacy, ovvero la capacità di influenzare attivamente i contesti. I ragazzi e le ragazze avranno modo di sperimentarsi in un lavoro di équipe, collaborando con professionisti del settore.

Progetto DaFF

Da ferite a feritoie, strategie di coping e resilienza: un posto a CasArché a Milano.

Il progetto mira a creare dei contesti di accoglienza che promuovano nei minori capacità di fronteggiare l’attuale fase di crisi. In particolare, si intende sperimentare e realizzare percorsi di sviluppo di resilienza nei bambini, intesa come insieme di competenze trasversali, consapevolezza e fiducia, capacità di auto osservazione e decisione, all’interno di una complessiva perdita di certezze.

Il progetto DaFF (i cui elementi essenziali sono consultabili qua: Programma NLB, Progetto DaFF) fa riferimento al programma NLB – Nobody Left Behind che ha come obiettivo fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva e un’opportunità di apprendimento per tutti. Il programma si sviluppa nell’ambito dell’accessibilità all’educazione scolastica, con particolare riferimento alle aree d’emergenza educativa e benessere nelle scuole. Il progetto vuole contrastare e prevenire il fenomeno della povertà educativa, con particolare attenzione per l’ambito dell’educazione ed istruzione, con azioni coordinate e sinergiche, che attuino una presa in carico globale del minore, promuovendo la resilienza non solo nel singolo bambino ma anche nella famiglia di appartenenza.

Per entrambi i progetti ci si candida entro le 14:00 del 26/01/2022 sulla piattaforma DOL.

Per avere ulteriori informazioni è possibile contattare Chiara Clemente all’email clemente@arche.it e al numero 348 2323088.