Riscoprire la passione del canto e delle musica che, complici circostanze della vita difficili, avevano abbandonato. È l’opportunità che viene offerta alle mamme affiancate da Arché a Casa Adriana e Casa Carla, grazie alla giovane collaborazione tra la Fondazione e l’Associazione di Promozione Sociale Beatrice e Marco Volontè. “Ogni sabato mattina ci incontriamo con l’insegnante Federica. Con lei cantiamo, dando, letteralmente, voce alle nostre emozioni!”, spiega Marta, ospite di Casa Adriana, contenta perché “è un modo per canalizzare i sentimenti e per esprimere al meglio la mia personalità, cantando in autonomia o su melodie proposte dall’insegnante”.

Proposto inizialmente ai bambini e alle bambine fino ai sei anni, il laboratorio musicale ha facilmente coinvolto anche due mamme, Marta e Anastasia. “Ha un parte importante nella programmazione delle attività settimanali”, conferma il direttore della comunità mamma-bambino di Casa Adriana, Eugenio Tagliabue, che spiega: “è un modo per abituare l’orecchio musicale dei più piccoli e per aiutarli a scaricare le tensioni e le emozioni negative accumulate nelle settimane precedenti”. Per loro il laboratorio prevede attività sensoriali e musicali, facendoli divertire a suon di musica e riuscendo a coinvolgere anche mamme come Marta e Anastasia.

“Ogni volta è un’emozione”, ci dice la giovane madre che, ogni settimana, aspetta impaziente il laboratorio musicale con la maestra Federica. “Mi scopro felice perché posso tirar fuori tutte le mie emozioni. Di pancia, senza mediazioni“, spiega Anastasia che confessa di sentirsi “libera e più leggera” dopo le sessioni di canto con l’insegnante e Marta, l’altra mamma. A loro, forse, le attende anche un’esibizione di fronte a tutte le donne della comunità di Casa Adriana. Chissà se anche loro vorranno far sentire la loro voce!