L’arrivo e la diffusione del Covid-19 sta mettendo in difficoltà molte realtà, non solo tra le imprese ma anche tra le organizzazioni del Terzo Settore. Per questo Fondazione Arché, in accordo con il comitato editoriale di VITA No Profit, ha inviato questa lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Oggetto: Erogazione immediata del 5 per mille 2018 e 2019

Al professor Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio dei Ministri.

Dallo scoppio della pandemia di Coronavirus in Italia, il Terzo Settore sta dimostrando di essere decisivo per la tenuta sociale del nostro Paese. Lei stesso in un messaggio alla Nazione lo ha definito “cuore pulsante della società”.

A causa della crisi economica e del crollo delle donazioni questo settore oggi però rischia di pagare un prezzo altissimo. La distruzione o anche solo la diminuzione del nostro capitale sociale sarebbe un vero disastro con conseguenze drammatiche per tutto il Paese.

Un primo passo immediato da fare è quello di dare via libera al DPCM previsto dalla Riforma del Terzo settore pronto da mesi e in capo alla Presidenza del Consiglio che rivede la disciplina del 5 per mille e come previsto nella nuova norma, provvedere senza indugio all’erogazione entro giugno del 5 per mille 2018 e contestualmente di almeno il 50% dell’ammontare del 5 per mille 2019. Si tratta di risorse dovute e già a bilancio, per la cui attivazione basta solo una Sua firma. Non possiamo più aspettare.