incontri oppure

Da aprile a giugno, come ben sapete, abbiamo tenuto sulla nostra pagina Instagram la serie di incontri di #oppure.

Un trittico di dialoghi che ha portato il focus su tre temi che, come Fondazione Arché, ci stanno a cuore: la giustizia sociale, la questione ambientale e la parità di genere.

Tre momenti che hanno fatto parte del percorso degli eventi per festeggiare il nostro 30° anniversario, dandoci la possibilità di confrontarci con persone che vivono quotidianamente e lavorano per supportare queste tre tematiche.

Ma chi erano gli ospiti?

Nel primo episodio di questa serie Elena Giovanardi, autrice del libro “Psicoanalisi e accoglienza: di guerrieri indifesi ha bisogno il mondo”, si è confrontata con Juan Matìas Gil, operatore di ResQ, sul tema della giustizia sociale.

È stato un dibattito che ha avuto al centro il ruolo di Juan come operatore umanitario, i suoi vissuti e le sue esperienze oltre che la sua opinione di quale sui possibili aiuti concreti da dare alle persone che affrontano la traversata del Mediterraneo.

Nel secondo appuntamento, abbiamo parlato della questione ambientale e Tobia Riva, operatore di Arché, si è interfacciato con Lavinia Iovino, portavoce di Fridays for Future Italia.

Il tema dell’incontro è sempre più al centro della vita quotidiana di tutti e le domande sono state molte: dalle iniziative adottate dai governi per  arginare l’emergenza climatica alle possibili buone pratiche da attuare (tutti quanti!) quotidianamente, passando per un ritratto delle potenziali conseguenze che il riscaldamento globale potrebbe innescare.

L’ultimo appuntamento, invece, è stato dedicato alla questione della parità di genere.

A interfacciarsi con Irene Facheris, formatrice e attivista transfemminista intersezionale, è stata Silvia Murolo, operatrice ADM di Arché a Roma.

Un incontro che ha affrontato vari spunti: dal tema dell’uso di un linguaggio quotidiano che sia inclusivo al ruolo della scuola. Dalla parità salariale sui luoghi di lavoro ai congedi parentali. Tanti domande che ci hanno permesso di arrivare ad un’unica risposta: la necessità di un cambiamento che non può più essere rimandato.

Noi siamo stati molto soddisfatti di quest’esperienza, dei temi portati dagli ospiti e delle conclusioni che abbiamo potuto trarre grazie alle loro risposte alle nostre domande.

E siamo anche fiduciosi che non ve siate persi neanche uno (?) , ma se così non fosse, in questa playlist trovate il ciclo completo dei dialoghi di #oppure.