Dona ora
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

“Nei miei occhi” è la mostra fotografica con cui diamo inizio agli appuntamenti “dal vivo” per festeggiare il nostro 30° anniversario.

L’idea è nata sulla base del lavoro di ricerca fotografica fatto per il LibroSolidale, realizzato da XMas Project in occasione del Natale 2020.

Il progetto che indaga e affronta il tema della relazione che s’instaura tra lo sguardo dei bambini e quello degli adulti.

Grazie al lavoro e al coinvolgimento nel progetto di sette grandi fotografi  che hanno osservato e immortalato l’infanzia come appare nella quotidianità, abbiamo scatti di incredibile forza: pomeriggi al parco e all’aperto, lezioni di circo e ginnastica artistica, allenamenti e partitelle a calcetto…

Dal 3 maggio al 23 maggio potrete osservare questi fantastici scatti in 30 gigantografie che costelleranno tutto il percorso di via Dante a Milano!

Ma chi sono questi sette fotografi che hanno saputo raccontare i bambini e l’infanzia in città così bene?

  • Marco Garofalo, reportagista esperto di tematiche sociali, ha rivolto il suo sguardo all’interno delle mura di casa: poco prima del lockdown si è unito alla sua famiglia il piccolo Cau, adottato in Vietnam da lui e dalla moglie Sabrina, bimbo vivace e creativo che s’è trovato a condividere il nuovo calore familiare insieme al fratello Jean Philippe, arrivato dall’Africa qualche anno prima di lui. I giochi inventati, i travestimenti, le grandi tensioni e i piccoli avvicinamenti sono al centro del progetto Diventare Fratelli realizzato dal fotografo milanese.
  • Simone Durante, fotografo e regista, si è focalizzato sui suoi figli e sulla loro classe di scuola elementare nel quartiere Lorenteggio, per raccontare il momento più atteso e simbolico degli ultimi mesi: il primo giorno di scuola, campanella che ha rappresentato per tutto il Paese un piccolo ma importante ritorno alla normalità. Dalla settimana precedente fino allo scoccare della prima ora, i preparativi e gli ultimi giochi, gli amici e l’ingresso a scuola tra distanze, speranze e precauzioni. Questo è il suo Giorno del mondo.
  • Zoe Vincenti, ritrattista e reportagista molto legata al tema dell’identità femminile, ha fatto un passo fuori da casa per esplorare i meravigliosi Bimbimix del Parco Trotter, involontario laboratorio di fratellanza nel cuore del quartiere multietnico di NoLo. Tra giochi e rincorse, bambini di ogni colore e provenienza culturale stanno assieme, creano un caleidoscopio di sorrisi e preparano la Milano di domani.
  • Isabella De Maddalena, documentarista di delicata sensibilità, ha costruito i dittici del progetto Scatenati: da una parte i parchi gioco sigillati e inaccessibili durante il lockdown, con le strisce bianche e rosse delle autorità a impedirne l’utilizzo, e dall’altra gli stessi luoghi rifotografati nel momento in cui la vita, pur tra mille accortezze, è finalmente ripartita. Le altalene bloccate che ricominciano a oscillare. Le giostrine che riprendono il loro giro da carillon. In un affiancamento di immagini e momenti che strugge e commuove.
  • Andrea Frazzetta, fresco vincitore del premio Ischia per il giornalismo, ha documentato un’esperienza educativa informale e contemporanea, a cavallo tra ecologia e sicurezza dei bimbi in tempi difficili: L’Asilo nel bosco. Una struttura ricavata all’interno della Cascina Sant’Ambrogio in zona Ortica, dove l’apprendimento all’aria aperta è privilegiato e “correre, urlare, saltare, sudare, non è vietato”. Tra le chicche del luogo: il sentiero delle escursioni, l’albero per arrampicarsi, l’orto didattico e le arnie delle api.
  • Alessandro Trovati, reportagista sportivo di fama, ha seguito gli allenamenti dell’ASO CERNUSCO, una delle eccellenze assolute del circuito sportivo CSI e dello sport oratoriale. Durante i mesi della pandemia gli oratori si sono aperti ancor di più alla città, e in questa struttura religiosa si sperimenta una collaborazione tra genitori, allenatori e bambini del minivolley e del minicalcio: gli specialisti sportivi addestrano i padri, che a loro volta, e a turno, dirigono gli allenamenti. Tutti per uno, uno per tutti.
  • Francesco Giusti, documentarista impegnato su temi antropologici e dell’identità, si è immerso invece tra i giocolieri in erba del Piccolo Circo dei Sogni fondato a Peschiera Borromeo da Paride e Sneja Orfei. Quattrocento allievi per una delle scuole di circo più grandi d’Europa, ennesima declinazione di un’infanzia che a Milano può esprimersi, immaginare e volteggiare.

Serve altro?

Ti aspettiamo da lunedì 3 a domenica 23 maggio in via Dante.

E quando sarai lì, scatta una foto alla via, alla mostra o allo scatto che ti è piaciuto di più. Condividilo sui social taggando Arché e usando l’hashtag #neimieiocchi.

Vi ricondivideremo tutti!

Guarda che ci contiamo!

Foto di copertina | Simone Durante

Mostra realizzata con il contributo di Regione Lombardia, con il patrocinio del Comune di Milano e di Fondazione Cariplo e con il contributo di Beko e Fondazione KPMG.

Condividi sui tuoi social preferiti!