Contro il niente – abc dell’impegno, di Miguel Benasayag

L’azione ristretta costituisce una vera e propria rivoluzione antropologica. Significa: occupati del tuo agire. Al posto dei “grandi discorsi”, universali, astratti, che alla fine non portano a nessun cambiamento (semmai, a massacri e tirannidi), restiamo dentro al reale. Usiamo l’azione ristretta, qualcosa insomma che si realizza concretamente nelle nostre piccole scelte, nella nostra vita quotidiana. Sta a noi, nelle situazioni in cui siamo, trovare azioni che ci conducano all’universale. L’azione ristretta pretende di occuparsi dell’universale ma solo dell’universale che non sia un’illusione distruttrice: l’universale concreto.

Di questo, e di molto altro, ha parlato Miguel Benasayag nella sua Lectio Magistralis all’Università Statale di Milano, nell’incontro insieme a padre Giuseppe Bettoni organizzato da Arché. È un concetto rivoluzionario, bellissimo, una ricetta “contro il niente”, contro la tristezza delle passioni, che oggi mortifica il nostro tempo. Questo saggio ripercorre dunque l’abc dell’impegno partendo proprio dalle lettere dell’alfabeto: a ciascuna di esse corrisponde una riflessione del filosofo e psicanalista argentino. Ne esce uno strumento per tutti coloro che desiderano scoprire e attuare nuove forme di aggregazione politica o più semplicemente nuove forme per non essere succubi e sudditi nel neoliberismo.

Editore: Feltrinelli, pagine 185, prezzo 10 €