Breccia nel tempo”: un’esortazione, un consiglio, un buon inizio per un racconto di fantascienza, ma soprattutto il titolo del calendario 2020 di Fondazione Arché!

L’anno scorso ci siamo concentrati su cosa potesse fare ognuno di noi per concorrere al bene comune, quest’anno invece abbiamo chiesto agli amici, ai volontari, agli operatori e educatori di Arché di consigliarci frasi estratte da poesie e canzoni che potessero, appunto, fare breccia nel tempo. Restare immutabili durante i mesi che passano, per darci un consiglio, un conforto o semplicemente qualcosa su cui riflettere durante le piovose giornate di novembre o le calde sere d’agosto (e viceversa, durante le piovose giornate di agosto o le calde sere di novembre).

Alda Merini, Cesare Pavese e Maram al-Masri sono solo alcuni dei nomi a cui abbiamo rubato le parole di bocca per aiutarci a restare “fuori tempo rispetto ai ritmi frenetici cui siamo sottoposti” per citare l’introduzione del calendario.

Le sorprese non finiscono qui: come potete vedere qua sotto nell’anteprima di gennaio, in ogni pagina troverete, oltre alla frase mensile, anche una suggestiva illustrazione dell’illustratore Alberto Ipsilanti, che ha messo a disposizione il suo stile per rendere il calendario 2020 di Arché ancora più unico e elegante.

Che altro possiamo dire se non augurarvi un 2020 poetico?

Il calendario è ricevibile dietro una donazione consigliata di 5 € (spese di spedizione escluse). Si ringrazia moltissimo Canon per la stampa. Per informazioni scrivere a Valentina Zeghini (zeghini@arche.it) o chiamando il numero: 02 36559990.