Arché, da due anni, è presente presso l’Ospedale San Camillo Forlanini di Roma – Reparto di Terapia Intensiva Neonatale, dove, in sinergia con il personale medico sanitario, ha avviato uno spazio di sostegno e di cura per le mamme e i piccoli appena nati.

La gravidanza e l’arrivo del neonato in situazioni di fragilità sanitaria o sociale, accrescono il bisogno di un’accoglienza competente e di un sostegno che siano capaci di accompagnare il bambino nei primissimi momenti di vita e di prendersi cura delle mamme, sostenerle nella costruzione di un percorso di cura di se stesse, di comprensione e di inclusione nella comunità.<br
Conoscere, rispondere ai bisogni e tutelare il rispetto dei diritti di molte famiglie in particolare situazione di fragilità, è l’obiettivo dello Spazio neonato-famiglia, dove, molte famiglie straniere, vengono, inoltre, accompagnate nel difficile orientamento dei servizi sociali della città.

E’ un lavoro delicato, che va svolto con gradualità, in quanto è sempre complesso conquistare la fiducia delle mamme e dei papà in un momento così particolare di vita, dove la fragilità del neonato canalizza tutte le attenzioni sui bisogni primari.

L’offerta di un aiuto pratico è il primo passo verso una relazione di aiuto che si consolida nel tempo. Ad esempio, per le mamme sieropositive impossibilitate ad allattare al seno, il nostro intervento parte spesso dalle informazioni sulle modalità di esenzione del ticket per il latte, gratuito per i primi sei mesi di vita bambino (Ministero della Sanità DECRETO 8 giugno 2001 Assistenza sanitaria integrativa relativa ai prodotti destinati ad una alimentazione particolare. G.U. Serie Generale n. 154 del 5 luglio 2001). In questo modo, partendo dal bisogno di contenere i costi del latte, riusciamo a dialogare su molti altri aspetti e a rendere noti i diritti che la società riconosce a tutto il nucleo familiare. Con l’aiuto, l’accompagnamento e un giusto orientamento ai servizi, la richiesta dell’autorizzazione di esenzione del ticket, diventa occasione per la mamma di sentirsi riconosciuta come persona accolta e compresa dalla comunità.

Cura, attenzione e amore verso il prossimo sono alla base degli interventi dello Spazio neonato-famiglia, affinché a nessuno sia negato il diritto di essere assistito.